L’essenza della formazione, in una storia

Nei giorni scorsi, navigando su internet, ho trovato questa storia che -secondo me- rappresenta molto bene l’essenza dell’attività di formazione.

Un anziano insegnante incontra un giovane che gli chiede: “Si ricorda di me?”. E il maestro gli dice di no.

Allora il giovane gli dice che è stato il suo studente. E il professore gli chiede: “Ah sì? E che lavoro fai adesso?”.  Il giovane risponde: “Beh, faccio l’insegnante”.

“Oh, che bello come me?”, risponde il maestro. Beh, sì. In realtà, sono diventato un insegnante perché mi ha ispirato ad essere come lei”. 

L’anziano, curioso, chiede al giovane di raccontargli come mai. E il giovane gli racconta questa storia:

“Un giorno, un mio amico, anch’egli studente, è arrivato a scuola con un bellissimo orologio, nuovo e io l’ho rubato. Poco dopo, il mio amico ha notato il furto e subito si è lamentato con il nostro insegnante, che era lei. 

Allora, lei ha detto alla classe: ‘L’orologio del vostro compagno è stato rubato durante la lezione di oggi. Chi l’ha rubato, per favore, lo restituisca’. Ma io non l’ho restituito perché non volevo farlo. Poi lei hai chiuso la porta e ci ha detto a tutti di alzarci in piedi perché avrebbe controllato le nostre tasche una per una. Ma, prima, ci ha detto di chiudere gli occhi. Così abbiamo fatto e lei ha cercato tasca per tasca e, quando è arrivato da me, ha trovato l’orologio e l’ha preso.

Ha continuato a cercare nelle tasche di tutti e, quando ha finito, ha detto: ‘Aprite gli occhi. Ho trovato l’orologio’. Non mi ha mai detto niente e non ha mai menzionato l’episodio. Non ha mai fatto il nome di chi era stato quello che aveva rubato. Quel giorno, lei ha salvato la mia dignità per sempre.

È stato il giorno più vergognoso della mia vita. Non mi ha mai detto nulla e, anche se non mi ha mai sgridato né mi ha mai chiamato per darmi una lezione morale, ho ricevuto il messaggio chiaramente.

E grazie a lei ho capito che questo è quello che deve fare un vero educatore. Si ricorda di questo episodio, professore?

E il professore rispose: “Io ricordo la situazione, l’orologio rubato, di aver cercato nelle tasche di tutti ma non ti ricordavo, perché anche io ho chiuso gli occhi mentre cercavo”.

Questo è l’essenza della docenza. Se per correggere hai bisogno di umiliare, allora non sai insegnare.

___________

Io probabilmente, fossi stato nei panni dell’insegnante, avrei tenuto gli occhi aperti e, soprattutto, poi avrei chiamato -ovviamente in separata sede- il ragazzo che aveva rubato l’orologio per spiegargli la situazione e anche la mia scelta di non far sapere agli altri chi fosse il ladro. Tuttavia, questa storia mi aiuta a ricordare i motivi per cui ho iniziato a fare formazione. No, non è perchè a scuola mi hanno rubato l’orologio… 😉

Vuoi approfondire i temi del della formazione e del public speaking?

[nota 1] L’immagine è ripresa dal film Il Club degli Imperatori, film che trovo emblematico, sull’attività dell’insegnante e sul suo ruolo, nello sviluppo delle competenze e dei talenti dei ragazzi. Su questo film, leggi il mio articolo scritto per Il cinema insegna.

[nota 2] Ho ripreso la storia dal profilo Facebook di Valentina Chioccarelli.